Utilizza le categorie sotto per navigare nei diversi argomenti

sabato 12 marzo 2011

Amsterdam: da visitare il prossimo 30 Aprile per il Koninginnedag :-)


Non dimenticate di visitare Amsterdam il 30 Aprile, Koninginnedag (giorno del compleanno della Regina)!!! Tutta la città si riversa nelle piazze, porta nelle strade tutto ciò che ha in casa di interessante e usato, per rivenderlo, apre banchetti e si imporvvisa venditrice di ogni casa sappia fare da bere o da mangiare, tutto intorno è una festa, musica di tutti i tipi e a tutto volume che esce dalle case e il colore dominante è l'arancione ;-) Link utile per sapere tutto di questa festa: http://www.festadellaregina.net/

Ma scopriamo meglio questa città.
Amsterdam è un crogiolo cosmopolita. E’ questo il suo valore e quello che devi respirare quando la girate. Quindi immergitevi in tutti i suoi anelli lungo il fiume a piedi o in bicicletta, conoscete gente, entrate e uscite dai coffee shop anche solo per bere una cosa e fumare passivamente, ammirate le loro case da fuori e se riuscite guardate dentro le finestre (perchè dentro sono uno spettacolo), curiosate nei negozi più strani e nei mille mercati (spesso hanno cose che da noi arriveranno almeno tra un anno), passate la serata nei ristorantini internazionali di Leidseplein, frequentate i locali notturni, assistete ai concerti dal vivo, fate una capatina nel quartiere a luci rosse, anche solo per curiosare.

Città
Il centro di Amsterdam non è grandissimo e si gira anche a piedi.
La città vecchia si trova all'interno di un anello di canali concentrici delimitati dal Singelgracht.
Piazza Dam, a cinque minuti di cammino dalla stazione, è al centro diurno della città, ma ci sono diversi altri “centri”: Leidseplein e RembrandtPlein, cuori pulsanti della vita serale e notturna.

Cibo
Non credo ci sia un cibo tipico olandese che valga la pena di provare. A parte i pancakes (i migliori da The Pancake Bakery, sul Prinsengracht 19 vicino casa di Anna Frank), gli speculaas e le porcate (tra cui le kroketten) vendute da Febo (una catena di fast-food olandese dove il cibo viene esposto in cellette che si aprono nel momento in cui si inseriscono uno o due euro).
L’ideale è mangiare nei ristorantini di tutte le nazionalità possibili che si trovano intorno a Leidseplein.
A Zeedijk (strada che collega il Nieuwmarkt alla Centraal Station) c’è anche una piccola ChinaTown. Consigliato il Moy Kong, specializzato in cucina cantonese e Chao Phraya in Nieuwmarkt 10, per la cucina thailandese.

Cose strane
La casa più piccola: si trova sul Singel al numero 7, larga un metro, poco più della porta d'ingresso.
La mano di ferro sul pavimento: (vicino all’Oude Kerk, la Chiesa Vecchia, vicina al quartiere a luci rosse) e' una scultura metallica che la raffigura poggiata sul seno di una donna, bloccata a terra da un lucchetto, è incorporata nei mattoni di un pavimento.
Normaal Amsterdams Peil (Scala di controllo del livello dei canali): è il famoso livello del mare a cui si fa sempre riferimento per indicare generalmente l'altitudine di zone geografiche. Era in un pozzo buio sul Dam oggi è in una via interna al complesso Stopera.

Locali notturni
Discoteche: Panama, Ministry, Escape, Sinners in heaven
Musica dal vivo: Paradiso (Weteringschans 6-8) I nomi importanti nel panorama musicale della città, passano qui.
Melkweg (Lijnbaansgracht 234a) uno dei più famosi, una specie di leggenda ad Amsterdam. E’ in una fabbrica abbandonata. Fa musica dal vivo e grandi party. Concerti hip hop, reggae, rock acustico, metal prima di mezzanotte. Poi disco club.
Bourbon Street Jazz and Blues Club: musica dal vivo per un pubblico più maturo, che va dal blues al soul, dal funk al rock, con ottime band ogni sera.

Qualcosa di culturale
Rijksmuseum: dipinti dei Maestri Olandesi dell'Epoca d'Oro del XVI e XVII secolo (tra cui La Ronda di Notte di Rembrandt e le scene domestiche di Vermeer).

Negozi strani
Il tempio dello shopping (non solo femminile) sono le Nine Streets ma non so se ti interessano: http://www.theninestreets.com/ninestreetsguide.html
Condomerie (Warmoesstraat, 141). Scopritelo da voi...
De Witte Tanednwinkel (Runstraat 5)solo dentifrici e spazzolini strani
Maranon (Singel 488-490): solo amache da utilizzare a casa in terrazza in ufficio.
Flying Objects (Tweede Tuindwaarstraat 8) solo acquiloni ma anche boomerang e freesbee
Christmas World (Nieuwezijds Voorburgwall 137-139) vende tutta la roba di natale possibile, anche in agosto

Mercati
Esistono tantissimi mercati: quello dei fiori sul Singel (tra la Koningsplein e il Munt), quello delle pulci al Muziektheater (Waterlooplein), degli uccelli su Noordemarkt.
Il più famoso e più ampio mercato, con ogni genere di cose è nella Albert Cuypstraat.

Pollo Thai al Latte di Cocco e Curry Rosso


Questa ricettina sta da troppo tempo sul mio tavolo senza essere stata condivisa. Si può fare con il pollo, l'anatra o il manzo e...non lo penso solo io :-) ma forse è uno degli abbinamenti Thai preferibili per dolcezza e piccantezza.
Il segreto per farla riuscire è una dispensa piena di ogni variante cino-thai-asian-fusion, e tanta voglia di sperimenatare.
Godetevi questa ricetta Thai :-)
Appassire la cipolla e un tocchetto di zenzero nell’olio, unire 500 gr. pollo a cubetti, avendoli prima leggermente infarinati e lasciare rosolare il tutto per pochi minuti, poiché la carne tagliata in tal modo cuoce molto rapidamente.

A cottura quasi ultimata spolverizzare generosamente con curry rosso e salare con 1 cucchiaio di Nam Pla (salsa di pesce); aggiungere il latte di cocco (1 lattina circa), amalgamandolo con la carne. Coprire e lasciare bollire gli ingredienti tutti insieme

In Austria a gustare i Kasespatzle


L'altro giorno sentivo un po' freddino, non che la temperatura fosse scesa particolarmente, ma che pioveva da una settimana  ed era anche nevicato per un giorno, per cui mi era venuta voglia di piatti caldi e filanti che scaldano lo stomaco.

Mi viene in mente un recente viaggetto a Vienna nel periodo dei mercatini di Natale, quando facevo colazione a colpi di Sacher e Cappuccino corretto (anche se ci sarà sicuramente scappato anche qualche assaggio di Apfelstrudel e Topfenstrudel, strudel alle mele e alla ricotta). Per cena l'immancabile wiener schnitzel (cotoletta alla viennese) e una sera anche questi buonissimi gnocchetti ai formaggi.

Vi segno qui la ricetta, e mi riprometto di farla entro fine settimana.

Se la provate anche voi mi dite come vi è sembrata? :-)
Mischiate 500 gr. farina tipo "0" con 1/2 litro di latte. Salate, pepate, insaporite con noce moscata, aggiungete 3 uova e amalgamate lentamente il tutto. Sopra una pentola di acqua bollente, passate l'impasto attraverso un setaccio a trama larga, portate a ebollizione e pescate gli gnocchetti.

Disporli in una pirofila alternando uno strato di Spatzle ad uno di formaggi grattuggiati (in tutto 250 gr. di due diversi formaggi stagionati e saporiti).

Tagliate ora 50 gr. di cipolla ad anelli di circa 3 mm e doratela bene in 50 gr. di burro chiarificato (si trova in commercio come burro concentrato ed è più grasso del burro normale, ehehehehe ;-) Infine versatela col burro sugli gnocchi.

Yum Yum ;-)

Metti una sera a cena...con un salmone in salsa teriyaki :-)


Era una sera, uscivo dall'ufficio tardi e avevo un'oretta scarsa prima di andare al mio appuntamento con lo stage teatrale (cantante o attrice? bah diciamo creativa), ma non potevo e non volevo rinunciare ad una cenetta speciale (anche se rapida) in compagnia speciale.

Ecco che la scelta è caduta su un ristorantino asiatico, felice via di mezzo tra il veloce take-away e il risto-glamour-fusion alla milanese che tanto fa figo frequentare quando dico che la sera faccio cose e vedo gente ;-)

Al tavolo, oltre ad una bottiglia d'acqua in fashion look (sarà costata quanto un vino in riserva?), non mancavano il chirashi e gli uramaki della situazione. Ma ecco che una vecchia conoscenza ha fatto piacevolmente capolino, una ricetta che mi ricorda come i giapponesi non abbiano inventato ottimi abbinamenti solo con gli ingredienti crudi ma anche nelle cotture: il Singor Salmone in Salsa Teryiaki.

Proviamo a vedere se mi ricordo come si faceva...

Mettete a macerare un'ora del buon salmone (circa 600 gr. se volete 4 porzioni) in un composto di 1 C di zenzero grattuggiato che avete mescolato con un frullino con 6 C di salsa di soia e 4 C di mirin. Asciugatelo poi con carta da cucina e infarinatelo. Friggetelo in padella con 2 C di olio di semi e mettetelo da parte.

Versate in una grande padella 6 C di salsa di soia, 4 C di mirin, 4 C di sakè, 1 C di zucchero e fate bollire la salsa ottenuta per addensarla. Immergete ora il salmone nella padella con la salsa e cuocete i filetti girandoli e inumidendoli pian piano.
Itadakimasu ;-)

domenica 6 marzo 2011

BBQ Ribs: 5, 10, 100 dita :-)


Eletto a gran voce il piatto migliore di una giornata barbecuosa, le BBQ Ribs non finiranno mai di piacermi. Ho capito che più di cinque dita e svariate patatine non ce la posso fare (forse perchè prima mi smagnazzo tutte le patatine e arachidi che mi occhieggiano con la loro simpatica faccina dal tavolo?) però le mitiche BBQ Ribs ogni volta sono una vera gioia per gli occhi e per il palato.
Dopo aver girato qualche localino carnoso, posso dire che le migliori Ribs bolognesi sono al Roadhouse Grill di via Stalingrado dove, se passate, vi consiglio anche lo Special Burger (il pezzo di carne è grande tre volte quello di un normale hamburger, c'è tanta pancettina croccante e un po' di formaggio cheddar che non guasta mai. A proposito ma dove lo trovo un bel pezzo di Cheddar a Bologna?)
Ok, adesso passiamo alla parte utile, come fare le Barbecue Ribs a casina?
Buone intendo ;-)
Chiedete innanzi tutto al macellaio, o al supermercato dove comprate la carne, che vi tenga le costine di maiale tutte attaccate. Di solito si vendono le costine singole (puntine di maiale o come preferite chiamarle) voi chiedetele/ordinatele tutte attaccate in 5, 10, 100 dita!
Poi e' veramente molto facile: in una pentola molto capiente far bollire dell'acqua (abbondare). Mettere le costine a bollire per 20 minuti con sale e cipolla. Scolarle e far raffreddare per almeno 1/2 ora.
A questo punto spalamatele di salsa Babecue e lasciatele immerse nella salsa tutta la notte.
Il giorno dopo le potete tranquillamente grigliare sul Barbecue ed essere sicuri di avere ottimi risultati!